Dieta, mesi e mesi di rinunce per ritrovarsi vittime di quel che viene definito effetto yo-yo: questo rappresenta l’incubo di molte donne. Ci sono degli errori comuni in molte diete commerciali che vengono erroneamente diffuse e seguite, a spese di chi pur compiendo enormi sacrifici non vede i risultati in cui ha tanto sperato. Cominciamo dal primo errore che in molti commettono, ovvero quello di eliminare del tutto i carboidrati; esistono specifiche diete, come la famosa ketogenica, che riducono i carboidrati al minimo indispensabile, però vengono somministrate in casi specifici, da professionisti del settore e, soprattutto per brevi periodi, visti i danni che causerebbero altrimenti.

I tanto demonizzati carboidrati infatti costituiscono una quota importante del fabbisogno giornaliero, non vanno trattati alla stregua di veleni. Il secondo errore è quello di saltare completamente i pasti, ritrovandosi la sera a mezza pancia: in tali condizioni si rischia di finire nella trappola del cosiddetto binge-eating. Questa tossica abitudine consiste nel consumare fuori orario ingenti quantità di dolci, carboidrati o qualunque cosa capiti, dopo aver trascorso una giornata praticamente a digiuno. Ecco perché i nutrizionisti sconsigliano iniziative del genere, soprattutto quando dietro ci sono consigli infondati di persone che mai hanno studiato la scienza della nutrizione.

Una grandissima attenzione che spesso è inesistente è quella da prestare alle bevande. Accade infatti che, mentre si eliminano pane e pasta, nella dieta permangono aranciata, thè e coca-cola, bevande ad alta percentuale di zucchero. Tali bevande costituiscono un di più e non andrebbero consumate con cadenza regolare, ma sovente tale aspetto viene sottovalutato. Alla dieta, e mai ci stancheremo di ripeterlo, va accompagnato uno stile di vita sano che prevede le giuste ore di sonno, la giusta quantità di attività fisica cercando di ridurre le fonti di stress. Su tali punti sono d’accordo gli esperti del settore.