Si è ucciso per mancanza di sesso, o almeno sono queste le supposizioni fatte dalla madre. La storia riguarda un giovane indiano di nome Geeta, che è stato trovato impiccato nel proprio appartamento. Le autorità hanno trovato il suo corpo appeso al ventilatore da soffitto che si trovava in casa sua, e la colpa del tutto è stata attribuita alla moglie. La suocera di lei in particolare, è stata molto dura nei suoi confronti, accusandola di istigazione al suicidio. Una vicenda molto strana, dal momento che lui, la vittima, già soffriva da qualche tempo di disturbi legati alla depressione, che l’avrebbero condotto a togliersi la vita.

La madre della vittima ha scoperto con grande disappunto che suo figlio e la moglie dormivano in due letti separati, nonostante fossero sposati. È rimasta inorridita quando è entrata nella camera da letto di suo figlio e della nuora e ha scoperto che i due non hanno mai consumato un rapporto sessuale. Il matrimonio è durato soli 22 mesi, un matrimonio molto triste si direbbe, dal momento che fra i due sposi non c’è mai stata alcuna forma di contatto fisico. La suocera della donna, oramai vedova, l’ha accusata pesantemente come responsabile della morte di suo figlio.

Dopo questo tragico evento, la donna ha scoperto che la sua nuora aveva fatto un giuramento, il quale le impediva di avere rapporti sessuali con il proprio marito. Al momento la donna è stata fermata e arrestata dalle forze dell’ordine, per chiarire le sue responsabilità nella tragedia che ha colpito il giovane Geeta. Un tipo di storia che non si sente tutti i giorni, certo, e che ha suscitato comprensibilmente un certo scalpore sul web. È stato del tutto inaspettato il fatto che, nell’ambito del matrimonio, due coniugi non avessero alcun tipo di relazione fisica.