Il caldo, il sudore, i giramenti di testa e la mancanza di forze: queste le condizioni contro le quali molti sono costretti a combattere durante l’estate. I più colpiti sono le persone anziane, dal momento che già presentano una certa fragilità, ma il problema può espandersi a chi soffre di carenze alimentari, come quella di ferro o di vitamina B12. Se la debolezza fisica si presenta solo in estate, per correggerla ci sono pochi e piccoli accorgimenti da fare, dato che si tratta di una condizione quasi “normale”. La cosa importante è idratarsi a dovere, non trascurando di introdurre liquidi nel nostro corpo, sia sottoforma di acqua che sottoforma di alimenti, come frutta e verdura.  

Questo è ancor più valido per le persone anziane che, soprattutto se affette da altre patologie, possono trascurare le sane abitudini. In alcuni casi è raccomandata anche l’assunzione di sale, per combattere la tanto temuta pressione bassa: in tal caso però, l’ultima parola spetta sempre al medico curante, onde evitare spiacevoli effetti collaterali. Un altro alleato della pressione, che aiuta a mantenerla entro i limiti della norma, è l’attività fisica, quella cosa che a quanto pare, fa bene al corpo e allo spirito, avendo numerosi effetti contro molteplici malattie.

La pressione bassa si definisce tale quando la minima scenda al di sotto di 60 mmHg e la massima scende al di sotto di 90 mmHg. Non è raro che in estate in determinati soggetti si verifichino capogiri o senso di debolezza per un calo di pressione. Mentre sono consigliati frutta e verdura, non solo per la bassa pressione ma in generale per un buono stato di salute, sono assolutamente da evitare gli alcolici in dosi eccessive, che possono aggravare il problema. Da queste categorie vanno esclusi coloro che già soffrono di patologie che comportano modifiche della pressione, come quelle cardiache.