L’abbandono degli animali è un problema sempre attuale, e quanto verificatosi a Roma è l’ennesima vicenda che ha lasciato la comunità sconvolta. Erano padre e figlia i due colpevoli, che sono stati filmati dalle videocamere di sorveglianza ma non sono ancora stati identificati dalle autorità. I due si sono presentati alle porte di un canile per lasciare il loro cucciolo di appena 5 mesi: tuttavia le loro intenzioni non erano delle migliori. Infatti non volevano lasciare il piccolo momentaneamente, ma volevano abbandonarlo e lo hanno fatto nel peggiore dei modi. Hanno letteralmente lanciato il cane oltre il cancello del cortile del canile, scappando dopo aver compiuto il terribile gesto.

I responsabili del canile della Muratella di Roma si sono ritrovati il cucciolo nella struttura, un piccolo di 5 mesi circa. Si tratta di un cane di media taglia, simile a un labrador, che per fortuna non ha riportato alcuna ferita grave o particolarmente debilitante. Era molto spaventato, ma è sopravvissuto al trauma e adesso sta cercando una casa, dopo aver perso la sua precedente famiglia. La situazione è stata denunciata da gli Animalisti Italiani, che hanno raccontato la storia e hanno diffuso i dati del cucciolo in cerca di casa, se qualcuno fosse intenzionato ad adottarlo.

Sono state contattate le forze dell’ordine locali e, dopo aver visionato il video si sono messi alla ricerca dei responsabili. Quel che si sa ad ora è che a lanciare il cane dal cancello sono stati un uomo di mezza età e quella che probabilmente era sua figlia, una bimba di circa 10 anni. Questo è l’ennesimo caso in cui, a pagare sono gli animali, che vengono abbandonati semplicemente per una vacanza. Al momento le autorità sono ancora alla ricerca dei due, che hanno commesso un reato a tutti gli effetti e come tale punibile penalmente.