Siamo tornati quasi alla normalità dopo la pandemia da covid, almeno per quel che riguarda i treni ad alta velocità. Infatti sulle Frecce e sui treni Italo sarà possibile occupare tutti i posti a disposizione, eliminando i familiari cartelli che indicano i posti da lasciare liberi per rispettare il distanziamento sociale. Questo avverrà a partire da venerdì, dal momento che la prossima settimana ci sarà la scadenza del Dpcm del 14 luglio. Tuttavia, non è escluso che arrivino nuove disposizioni da parte del governo dato che, dall’inizio della stagione estiva, i contagi non hanno fatto che salire, facendoci raggiungere un Rt di 1.

È una statistica a livello nazionale che per tale motivo preoccupa, e non poco, gli scienziati: gli esperti del comitato tecnico scientifico che collaborano con il governo infatti si sono detti contrari. Certo, l’eliminazione dei posti vuoti non vorrà dire che saranno eliminate all’improvviso tutte le regole riguardanti il covid. Infatti prima di imbarcarsi sarà necessario fornire alle autorità un’autocertificazione che attesta che il passeggero in questione non è affetto da coronavirus. Inoltre sarà sempre obbligatorio indossare la mascherina chirurgica e vigerà l’obbligo di cambiarla almeno ogni 4 ore. Una scelta che è stata messa in discussione dai principali organi del Ministero della Salute, incluso Walter Ricciardi, che la ritiene altamente pericolosa.

In Lombardia una norma del genere è già vigente per mezzi pubblici e treni regionali, che già sono pieni al 100%. Ancora non è detta l’ultima parola, in special modo da parte del governo, che dirà la sua l’8 agosto in merito. Certo, le premesse del comitato tecnico-scientifico non sono ancora buone e sono contrastanti rispetto alla decisione riguardanti i treni. Anche con le precauzioni menzionate sopra e con la misurazione della temperatura, che sarà obbligatoria, non è garantita la completa sicurezza.