L’ennesimo caso di body shaming si è verificato, a scapito di una star, ma a sorprendere è che stavolta non si tratta di una donna. Stavolta al centro dell’attenzione è finito colui che una volta era considerato un vero e proprio sex symbol, che poi, a motivo dei cambiamenti fatti, non è stato apprezzato molto da alcune. Stiamo parlando di Zac Efron, la star che anni fa esordì con High School Musical e che nel tempo ha saputo conquistare non solo il pubblico più giovane delle adolescenti, ma una fetta più ampia, soprattutto nell’ambito femminile. Ma allora perché le fan gli si sono rivoltate contro?

Ebbene, l’attore ha partecipato a una serie-documentario che tratta il delicato tema dell’eco-sostenibilità, si chiama “Down to earth”. Qui è apparso con qualche chilo in più, mostrando il suo fisico da uomo di mezza età, o almeno queste sono state le critiche ricevute. Dad bod è il termine preciso con il quale l’attore è stato definito, scatenando le polemiche sul perché: molti infatti si soffermano sulle apparenze, solo perché ha messo qualche chilo in più. Secondo costoro non è giustificabile infatti l’aumento di peso, con quel filo di grasso in più, la barba, il tutto che lo fa sembrare più maturo ma anche più trasandato.

In sua difesa hanno parlato in molti, soprattutto modelle che sono state a loro volta vittime di body shaming; forse questa è una delle poche volte in cui la vittima è di sesso maschile. Ma ciò non giustifica affatto le critiche, dal momento che l’attore è riuscito a venir fuori da un terribile periodo, mettendo in atto una trasformazione che lo ha visto disintossicarsi dall’alcol. Lui è molto soddisfatto di quanto raggiunto, dei suoi attuali traguardi, anche se non sono sotto gli occhi di tutti…anche la modella Charli Howard, che da anni combatte contro il body shaming, lo ha difeso a spada tratta.