Si chiama Martin Hutchinson, e per omaggiare una delle sue serie preferite ha ribattezzato il suo cane Starsky. I due, da lungo tempo oramai, stanno percorrendo l’intero globo in nome della sostenibilità. La storia di Hutchinson è molto particolare, infatti, dopo una vita trascorsa come vigile del fuoco, a salvare vite umane, ha deciso di ampliare la sua missione. L’obiettivo è quello di salvare il pianeta e di farlo cercando di tutelare il bene a noi più prezioso, oggi come oggi: l’ambiente. L’uomo ha 58 anni e dal lontano 2006 si è messo in viaggio, a bordo della sua bicicletta insieme al suo fidato amico a quattro zampe.

Lui definisce la sua una missione, quindi si è posto l’obiettivo di girare tutto il mondo per raccontarlo; lo scopo è ben preciso, ovvero quello di documentare e denunciare ogni disastro ambientale. Ecco perché Starsky e Hutch hanno percorso migliaia di chilometri prima in America Latina e poi in Europa, giungendo in questi giorni anche nella nostra Italia. Hutch ha visitato diverse scuole e istituti d’istruzione, per raccontare tutto quello che ha visto durante il suo lungo viaggio, per sensibilizzare in maniera particolare i ragazzi nei confronti dell’ambiente. Ora si trova a Spadola, in Calabria, dove sta raccontando la sua esperienza di Esloratore dell’ambiente e della natura.

Sembra, a tratti, il personaggio di un film d’avventura, dal momento che ha trascorso la sua vita a bordo della sua bicicletta, tentando di arricchire le persone con la sua esperienza. Ma l’itinerario non è affatto finito, infatti l’ex pompiere ha in programma l’altra metà del mondo e progetta di terminare il suo lungo percorso nel 2030, quando avrà raggiunto l’Australia. Ad accompagnarlo ci sarà sempre il suo amato Starsky, che ad oggi è sempre stato un ottimo amico e compagno di viaggio, per tutto il tempo.