Nonostante la dieta e gli sforzi continuate ad accumulare chili, senza perdere peso? Alla base di tutto ciò potrebbe esserci un fattore che spesso viene sottovalutato, ma non per questo è meno importante. Stiamo parlando dello stress, che oggi come oggi ha un ruolo più che rilevante nella nostra vita di tutti i giorni. A fare presente questo problema è stato un articolo de La Gazzetta, che ha messo in risalto in che modo, uno stile di vita sbagliato non solo dal punto di vista alimentare ma anche psicofisico possa contribuire al deterioramento del fisico. Spesso infatti si crea un circolo vizioso che, secondo il parere degli esperti può essere molto dannoso, se non viene interrotto in tempo.

Il problema si crea quando, ad uno stile alimentare sbagliato si aggiungono la mancanza di attività fisica e lo stress. E in determinati casi, seguire delle diete che prevedono lunghi periodi di digiuno è addirittura ancora più dannoso. Infatti, in molti sono coloro che lamentano il fatto che, nonostante la dieta, la perdita di peso non è soddisfacente. In particolare è difficile liberarsi del grasso addominale o viscerale, che è quello maggiormente dannoso, in quanto correlato con malattie metaboliche e cardiovascolari. La causa in comune sarebbe da ricercarsi nell’infiammazione cronica, che è scatenata dall’insieme di questi fattori.

Inoltre, c’è da considerare il cortisolo, il famoso ormone dello stress che, se prodotto in eccesso, produce degli effetti tutt’altro che benefici. Determina infatti ritenzione idrica e gonfiore, per non parlare della fastidiosissima pancetta – dato che al cortisolo è dovuto l’accumulo di grasso addominale. C’è da aggiungere che, quando il cortisolo viene prodotto in eccesso, il corpo sviluppa una sorta di abitudine, quindi pur essendo presente l’ormone in circolo, non esplica nessun effetto. In conclusione, la forma fisica, come dimostrato da vari esperti, è dovuta a una serie di fattori dipendenti l’uno dall’altro.