Maradona e il suo staff vogliono fare causa a Paolo Sorrentino e Netflix: no, non è uno scherzo, a quanto pare c’è stato un acceso dibattito a riguardo. La causa della discordia è il film che uscirà prossimamente sulla piattaforma in streaming, che è intitolato “È stata la Mano di Dio”. Infatti tale frase è stata pronunciata dalla leggenda del calcio nel lontano 1986, durante una nota partita contro l’Inghilterra. E proprio questo sarebbe il problema, ovvero che Sorrentino ha usato l’immagine di Maradona, che ancora oggi è idolatrato dalle masse, senza aver chiesto prima il permesso.

È stato reso noto però che lo staff di Maradona è alquanto rissoso dal punto di vista legale, infatti nel corso di questi anni i suoi consulenti hanno fatto causa anche contro personaggi importanti come, ad esempio, Dolce e Gabbana. Ancora non è chiaro come andrà a finire, dal momento che lo stesso Paolo Sorrentino ha detto di non aver utilizzato in realtà l’immagine del calciatore. Infatti Maradona, secondo le prime indiscrezioni che riguardano il film, uscirebbe solo in qualche scena, di sfuggita, dal momento che il film non tratta di sport e tantomeno di calcio. Ma l’entourage di Diego Armando Maradona non vuole saperne nulla, sono tutti alquanto agguerriti sia con il regista che con la piattaforma.

Sono state rilasciate alcune anticipazioni invece sui contenuti del film: si tratterebbe di una storia ambientata a Napoli, una città alla quale il regista è molto legato, essendovi nato. Qui, con la solita magia dei suoi film, si intrecciano le vicende che gli permetteranno anche di rivivere una parte della sua giovinezza. Giovinezza alla quale è legato anche il calcio, che include la figura di Maradona, infatti Sorrentino come la maggioranza dei partenopei è sempre stato un tifoso sfegatato del Napoli.