Con la fine della quarantena è stato possibile riprendere le attività fisiche, dal momento che, durante le settimane di lockdown siamo stati costretti tutti a casa. Molti di noi, triste a dirsi, sono ingrassati, e, per quanto sia stato piacevole esplorare nuove ricette e riscoprire la bellezza dell’arte culinaria, ora è il momento di mettersi in forma. E, per farlo nel modo più giusto e salutare possibile, non c’è nulla di meglio di un po’ di esercizio all’aria aperta. C’è chi durante la quarantena ha allestito una mini-palestra in casa e chi ha preferito rilassarsi, ad ogni modo con l’arrivo dell’estate e delle belle giornate non ci sono più scuse.

È stata stilata una classifica degli sport maggiormente di tendenza, delle discipline che si possono praticare per combattere lo stress e recuperare la forma fisica. Fra queste spicca lo yoga, che racchiude un’ampia varietà di sottogeneri, in base alla regione d’appartenenza. È ottimo per il corpo e per la mente e si può tranquillamente praticare all’aria aperta: i vantaggi sono il miglioramento della forza fisica e della flessibilità. A questo si aggiungono tutti i benefici per la mente, con un miglioramento della concentrazione e della memoria, un ritrovato benessere psicofisico.

Ma, se si preferisce qualcosa di più occidentale, ci sono varie discipline sportive che possono essere prese in considerazione. Tra queste, l’allenamento funzionale, ad esempio, che prevede una serie di circuiti molto dinamici; un tipo di esercizio fatto per chi ci tiene a sudare, come direbbero in molti di coloro che lo praticano. Ancora, per rimettersi in forma o semplicemente per provare un’attività diversa si può ricorrere al cosiddetto “Gag”, nome che deriva dai tre distretti protagonisti di questo tipo di allenamento, ovvero gambe, addominali e glutei. La scelta è molto ampia, tutto sta nel cominciare, poi una volta presa l’abitudine sarà difficile smettere!