È sempre stato un padre amorevole e disponibile, poi è accaduto l’imprevedibile: nessuno si aspettava un evento del genere. Si chiamava Mario Bressi il 45enne che, la scorsa notte, in preda a un raptus, ha tolto la vita ai suoi due figli gemelli di 12 anni per poi suicidarsi poco dopo. È accaduto a Margno, un paesino di 300 abitanti in provincia di Brescia, un paese che è rimasto sotto shock dal momento che tutti conoscevano le vittime e mai avrebbero immaginato una tragedia del genere. Ancora non sono chiari i motivi che hanno spinto l’uomo a compiere un atto estremo, dal momento che mai aveva dato segni di squilibrio.

I due figli sono stati trovati dalla mamma all’interno della loro casa, quella in cui andavano in villeggiatura; poco dopo è stato ritrovato anche il corpo del padre, che si è gettato da un ponte dopo aver tolto la vita ai figli. Sono state aperte le indagini per cercare di ottenere altre informazioni sul caso. Mario è stato descritto dagli abitanti del paese, che conoscevano bene lui e tutta la sua famiglia, come un uomo pacato, sempre sorridente e molto disponibile nei confronti dei figli. Di loro sono rimasti solo i ricordi, le foto insieme durante le innumerevoli occasioni in cui hanno trascorso piacevoli giornate insieme.

Gli abitanti della cittadina in cui viveva la famiglia sono comprensibilmente rimasti sotto shock, hanno offerto tuti il loro conforto alla donna che, in un sol giorno ha perso marito e figli. Anche il parroco del paese e la sindaca si sono espressi a riguardo, offrendo tutto il loro conforto e il loro sostegno alla donna. Tutti ricorderanno sempre con affetto le vittime: il papà, appassionato di tennis che seguiva i figli nelle loro attività, e i due gemelli che hanno tragicamente perso la vita.