Comincia l’estate, comincia il caldo e, soprattutto, comincia l’inevitabile fastidio causato dalle zanzare. Soprattutto nel corso della notte, molti sono coloro che, nella stagione estiva, lamentano una scarsa qualità del sonno a motivo del continuo ronzio. A questo si accompagna il prurito causato dalle punture, ma il vero problema è che ogni anno, nonostante si tratti di un fenomeno cui siamo abituati, non troviamo mai un rimedio appropriato. E quelli che si trovano in commercio spesso sono inefficaci, nonostante tutti gli additivi chimici i quali, oltre a non raggiungere l’obiettivo descritto, possono nuocere alla salute di chi li utilizza.

Ma ecco un metodo casalingo, che sfrutta una semplice reazione chimica, è semplice ed economico e i risultati sono assicurati. Quello di cui avete bisogno è una bottiglia di plastica, acqua, zucchero e lievito di birra. Il procedimento è altrettanto semplice, bisogna tagliare la bottiglia a metà, e mettere quattro cucchiai di zucchero nella parte inferiore. A questo va aggiunta dell’acqua calda, dopodiché bisogna mescolare fino a quando non si crea una soluzione, sciogliendo quindi lo zucchero. Una volta ottenuto ciò, si aggiunge il lievito di birra, ma attenzione: non bisogna mescolare, basta semplicemente unire il cubetto alla soluzione di acqua e zucchero.

Poi la parte finale: si inserisce la parte superiore della bottiglia tagliata all’interno di quella inferiore, in modo da creare un “corridoio” per le zanzare. Queste, una volta entrate all’interno della bottiglia, non saranno in grado di uscirne perché il collo è troppo stretto. Quindi resteranno intrappolate all’interno della bottiglia; il criterio è che, una volta assemblati acqua, zucchero e lievito, avverrà una reazione chimica che porterà alla formazione di anidride carbonica. Questo sarà il segnale che attira le zanzare, le quali penseranno di aver trovato una preda, ma resteranno spiacevolmente deluse e intrappolate nella bottiglia.