Ha aggredito a coltellate i bambini e gli insegnanti: ecco quanto accaduto in Slovacchia, un evento che ha destato stupore e tristezza in tutto il mondo. Un giovane di 22 anni è entrato all’interno di una scuola elementare, si trovava nella città di Vrutky quando ha fatto irruzione nell’edificio, nel quale probabilmente lavorava. Infatti secondo le parole di un testimone l’aggressore era l’addetto a un distributore automatico di merendine e bevande. Non si sa cosa sia scattato nella mente del giovane, che ha cominciato ad assaltare anche i bambini a coltellate. Al momento non si conoscono troppi dettagli sulla vicenda, ma è stato reso noto che alcuni bimbi sono rimasti feriti.

Il 22enne era un ex allievo della scuola e, nel suo attimo di follia ha aggredito anche la preside e il vice-preside. Quest’ultimo si era sporto in avanti per cercare di proteggere i bambini e ha perso la vita nel fare ciò, finendo accoltellato dal ragazzo. Quando è arrivata la polizia sul luogo non c’era più niente da fare per il vice, che purtroppo non è riuscito a salvarsi, lasciando l’intero istituto nel lutto e nel cordoglio. Gli agenti della polizia dal canto loro, sono stati costretti ad agire con le maniere forti e hanno ucciso il 22enne, evidentemente dopo aver provato a fermarlo in altri modi e dopo aver realizzato che non c’era molto da fare.

I bambini feriti sono stati portati immediatamente in ospedale e, al momento non sono stati segnalati morti fra loro. Nel frattempo proseguono le indagini per cercare di capire cosa possa aver spinto l’aggressore, che sembrava un tranquillissimo ragazzo di giovane età, ad aver compiuto un atto tanto violento ed efferato. Da tempo oramai lavorava nella struttura, occupandosi dei distributori, ma mai aveva dato segni di squilibrio, lasciando tutti sorpresi con il suo gesto folle.