Una morte orribile per asfissia, quella che ha portato via due cani per la negligenza del proprietario. La storia arriva dagli Stati Uniti, per la precisione dal Missouri, dove un uomo ha dimenticato i suoi due cani in macchina. Il paradosso è che li ha lasciati soli proprio per recarsi ad un corso di addestramento per cani e, non potendo lasciare i suoi amici a quattro zampe altrove, ha optato per l’abitacolo. Ha lasciato i suoi animali lì mai pensando al peggio, anzi preparandosi per tutto: aveva lasciato l’aria condizionata in funzione proprio per evitare danni collaterali ai suoi amati cani.

Erano un labrador e un pastore tedesco e, una volta finita la benzina, sono rimasti in auto senza un minimo ricambio d’aria. Senza dubbio la scelta del proprietario è stata imprudente, infatti non aveva considerato che prima o poi il carburante si sarebbe esaurito. Il problema è che all’esterno c’erano ben 33 gradi e, senza aria condizionata i cani hanno avuto un mancamento che dopo qualche tempo è stato loro fatale. Sono venuti a mancare nel peggiore dei modi, morendo di asfissia sotto un sole bollente che li ha uccisi molto lentamente, lasciando al proprietario l’amara sorpresa, che è stata delle più brutte.

La sua negligenza infatti è costata ai cani la vita e, nonostante l’uomo abbia avuto la premura di lasciare l’aria condizionata attiva, non ha fatto i conti con quel che sarebbe accaduto dopo, quando la benzina è finita. Si è trattato di un bruttissimo incidente, come ha testimoniato anche il direttore dell’allevamento all’interno del quale si trovava l’uomo che, in una calda mattinata ha perso i suoi due cani. L’uomo proprietario dei due cani è rimasto devastato dal dolore quando ha realizzato che, nonostante tutte le precauzioni prese, non ha potuto far nulla per salvare i suoi amici.