Anche il nostro paese purtroppo è teatro di uno spettacolo fin troppo triste, ovvero il commercio illegale di animali selvatici. Un ultimo avvenimento degno di riguardo è avvenuto in Sicilia, dove una delle vittime di tale traffico che fattura ogni anno svariati milioni di euro è stata salvata dal suo triste destino. Si chiama Pepa e ed è una bertuccia, ovvero una scimmia proveniente dal Nord Africa, un animale di piccole dimensioni ma dal grande valore economico a quanto pare. Si tratta di un animale a rischio di estinzione, dal momento che gli esemplari di bertuccia sono rimasti in pochi nel mondo.

Tale motivazione come sempre non sembra aver convinto i criminali che continuano a lucrare sulla vita di questi piccoli animali. A recuperare la piccola scimmia sono stati i militari di Catania, che quando hanno capito con cosa avevano a che fare hanno subito allertato le autorità competenti, qualcuno in grado di fornire a Pepa il giusto supporto, sia dal punto di vista materiale che psicologico. Un’ambulanza veterinaria della Lav è partita direttamente da Roma per dirigersi a Messina, dove ad aspettarla c’erano le forze dell’ordine, con la bertuccia a carico, in attesa di istruzioni. L’animale è stato portato a Grosseto, dove è stata affidata alle cure di un centro di recupero che l’ha rimesso in sesto.

Nel centro di recupero la bertuccia ha subito trovato nuovi amici, infatti ha potuto fare la conoscenza di altri simili, animali che, come lei, un tempo erano vittima del traffico illegale e spietato dell’uomo. Per Pepa è stata una novità assoluta, infatti fino a poco tempo fa era abituata a vivere insieme a una famiglia di esseri umani, quindi per la prima volta ha potuto vedere cosa significa essere a contatto con un ambiente che per natura le appartiene molto più di un’abitazione umana.