Avevano meno di dieci giorni quando sono stati abbandonati i quattro gattini a Torino, lasciati soli in un cassonetto abbandonato come se si trattasse di rifiuti. A fare il terribile ritrovamento sono stati dei cittadini, che sono rimasti sconcertati dalle condizioni in cui hanno trovato i quattro gattini. Sono stati attirati da un pianto che proveniva da un bidone dell’indifferenziato, e probabilmente l’ultima cosa che si aspettavano di trovarci era proprio una cucciolata di gattini. Erano piccolissimi, molto fragili e delicati: nonostante ciò i precedenti padroni non si sono fatti scrupoli ad abbandonarli, ma li hanno lasciati nel cassonetto, in pessime condizioni igieniche ovviamente.

Per fortuna i cittadini che li hanno trovati li hanno portati velocemente in un gattile, in cui i volontari si sono presi cura delle piccole creature. Il problema dei gattini che rientrano in questa fascia d’età è che quando vengono separati dalla madre corrono gravi rischi. Ecco perché si consiglia di adottarli dopo qualche mese, infatti durante i primi 60 giorni di vita i cuccioli di gatto necessitano della costante presenza della loro madre. Ecco perché abbandonarli quando sono ancora così piccoli è un gesto di grande irresponsabilità e potrebbe causar loro seri danni.

Come hanno spiegato alcuni esperti infatti, sottrarli alle cure della mamma è un’azione che si ripercuote molto negativamente sui gattini. Il problema fondamentale che è alla base degli abbandoni c’è la mancanza di controllo delle nascite: infatti molti non si creano problemi riguardo alla sterilizzazione degli animali, che così si moltiplicano in maniera incontrollata. Ovviamente, nel momento in cui i nuovi cuccioli non sono graditi, vengono abbandonati nei posti più disparati e gli autori di gesti del genere non si preoccupano delle condizioni e dei rischi a cui espongono dei gattini con pochi giorni di vita. Per fortuna in alcune occasioni ci sono dei benefattori che accorrono in aiuto.