Si sa che i cuccioli di cane, o di qualsiasi altro animale, sono ingenui e, almeno durante i primi giorni di vita, possono compiere gesti inconsueti e addirittura pericolosi. Bastano pochi attimi, i piccoli sfuggono al controllo della mamma correndo il rischio di cacciarsi nei guai. Un evento del genere si è verificato a Dugenta, un paese situato nel beneventano, dove una cucciolata è stata recuperata da un gruppo di Vigili del Fuoco. Sono quattro i cagnolini che sono stati ritrovati da altrettanti pompieri, che sono stati attirati dal pianto dei cuccioli indifesi, i quali non sapevano tornare indietro.

In qualche modo erano caduti in un dirupo, non è chiaro se fossero stati abbandonati dalla madre o dalla famiglia umana. I quattro cuccioli erano bloccati, intrappolati nei cespugli non sapevano come uscire, probabilmente non hanno mangiato né bevuto per molte ore. Ad allertare i Vigili del Fuoco è stato il proprietario di un terreno che si trova nelle vicinanze del dirupo: l’uomo, dopo aver udito i lamenti dei cuccioli si è accorto della loro presenza. Non ha trovato nessun altro modo per trarre in salvo i piccoli, così è stato costretto a chiamare i rinforzi, ovvero i pompieri che dopo un po’ hanno recuperato i cuccioli.

Per fortuna non hanno riportato alcun danno, sono rimasti illesi nonostante la caduta: dato che sono caduti tutti nello stesso punto e nello stesso momento è molto probabile che ci sia stato qualcuno ad abbandonarli di proposito. Una storia che ha messo di buon umore i cittadini, dal momento che quattro innocenti vite sono state strappate a un destino che poteva essere davvero tragico. Questo grazie al gesto di un uomo che avrebbe potuto ignorare quel pianto straziante e tornare alle sue attività, invece ha preferito compiere un gran gesto di amore e civiltà.