Continua l’affollamento da parte di animali selvatici nei centri abitati: anche se stiamo pian piano tornando alla normalità molti di loro ancora passeggiano per le strade delle nostre città. E non si tratta, per fortuna, solo di cinghiali o animali che possono provocare danni: ci sono anche dei piccoletti che spesso e volentieri si cacciano nei guai. E trattandosi di animali che non incrociamo tutti i giorni, almeno non prima della pandemia, è sempre uno spettacolo per i nostri occhi, anche quando il senso del dovere ci obbliga ad abbandonarli nel loro habitat naturale, che è la scelta più giusta per loro.

Uno degli ultimi ritrovamenti di piccoli selvatici c’è stato ad Ariano Irpino, paese situato in provincia di Avellino. Nelle ultime settimane è stato noto ai media per l’elevato livello di contagi, ma grazie all’attenzione dei cittadini e alla cooperazione delle forze dell’ordine la situazione sta migliorando. E proprio ad Ariano una donna, un’amante degli animali di nome Giovanna, mentre stava portando a spasso i suoi cani si è trovata davanti un bellissimo riccio; pochi metri dopo ha trovato invece un tasso. Mentre quest’ultimo le è sfuggito, molto probabilmente trovandosi un riparo da solo, il riccio appariva alquanto disorientato. Del resto, si sa che un centro abitato non è proprio l’ambiente ottimale per questo tipo di animali.

Lei lo ha definito una palla di spine, un animaletto di una bellezza e una tenerezza incredibili. Con fatica, e non poca, lo ha raccolto e lo ha portato in un punto sicuro che lei conosceva, dove sapeva che il riccio avrebbe ritrovato la strada di casa. In città avrebbe potuto essere vittima di auto o veicoli pesanti, quindi, di fatto, Giovanna ha salvato la vita al piccolo riccio, che si è subito incamminato fra i cespugli della campagna in cui è stato portato.