Cosa non si farebbe per mettere in sicurezza la propria città dalla terribile minaccia del contagio da coronavirus? Ebbene, in Spagna è stato fatto anche troppo, in una località balneare vicino Cadice, dove l’amministrazione ha effettuato un’opera di disinfezione che è però risultata brutale per le diverse specie animali presenti sul posto. Ecco cos’hanno fatto i gestori della spiaggia sotto il consiglio delle autorità: hanno spruzzato e diffuso su tutto il litorale una soluzione a base di acqua e candeggina con l’intento di disinfettare e preservare la spiaggia. Il gesto è stato dettato dal desiderio di permettere a tutti di accedervi, bambini inclusi, senza correre il pericolo di contagio.

Tuttavia, quello che non hanno considerato in questa scellerata decisione è che, mentre sull’asfalto un’operazione del genere è possibile, sulla sabbia ci sono condizioni assolutamente differenti che rendono tale pratica un gesto molto pericoloso. Infatti sono molte le specie animali che sono state annientate dalla candeggina, tra cui parecchi uccelli migratori, le cui uova sono state distrutte o direttamente dal trattore o nelle ore successive dall’effetto del disinfettante. Gli animalisti hanno ovviamente fatto sentire la loro voce, denunciando il provvedimento preso dalle istituzioni locali. I membri di queste ultime, considerata la gravità del gesto, sono stati costretti a scusarsi pubblicamente dei confronti del popolo.

Secondo Maria Dolores Iglesias, un’attivista locale, i danni sono stati brutali, tanto da non permettere agli animali di nidificare sulla spiaggia; un intero ecosistema è stato devastato dalla decisione di rendere tutto sterile e pulito, decisione che si è ripercossa solo e unicamente sugli animali. Neppure gli insetti sono rimasti dopo il passaggio del famigerato trattore diffusore di morte: ora sarà necessario del tempo affinché vengano ripristinate le condizioni iniziali della spiaggia, che prima dell’intervento era popolata da varie specie di uccelli e insetti. Anche se l’intento era nobile, la modalità è stata sbagliata radicalmente.