Qualche tempo fa il Presidente degli Stati Uniti ha avuto un’idea per sconfiggere il virus, un’idea basata su un’intuizione del momento. Siccome per uccidere il coronavirus bisogna utilizzare un disinfettate sulle superfici, si potrebbe fare una cosa analoga con il corpo umano. L’ideale sarebbe creare una soluzione, un vaccino a base di soluzione disinfettante o di candeggina; tale soluzione però andrebbe iniettata, in modo che possa raggiungere i polmoni e quindi sconfiggere il coronavirus. Per quanto l’idea possa essere assurda, molti cittadini americani l’hanno presa molto seriamente, e, di conseguenza, hanno tentato di iniettarsi disinfettante o candeggina.

Infatti nelle ore successive al discorso di Trump sono stati molti coloro che hanno effettuato degli esperimenti casalinghi. Ovviamente, l’esito di tali esperimenti non è stato quello atteso, infatti i numeri di emergenza hanno ricevuto non poche telefonate in seguito a quanto accaduto. In particolare il New York City’s Poison Control Center ha dichiarato che sono state 30 le chiamate effettuate dopo il discorso del Presidente. Le persone infatti hanno effettivamente provato a iniettarsi della candeggina o della soluzione disinfettante. L’opposizione è stata molto dura nei confronti del Presidente Donald Trump, il quale è stato preso di mira sia dalla stampa locale che da quella internazionale.

Non si tratta della prima idea del Presidente in merito al coronavirus, infatti dato che il patogeno viene distrutto dai raggi solari, Trump aveva proposto qualche tempo fa di trovare un sistema per far penetrare i raggi UV all’interno dell’organismo umano. Gli esperti e i medici ovviamente hanno condannato da subito tali dichiarazioni, anche l’incoraggiamento fatto alla popolazione, ovvero uscire e abbronzarsi quanto più possibile. I casi di coloro che hanno provato ad immunizzarsi con la candeggina sono cresciuti e Trump dopo qualche giorno ha dichiarato in una conferenza stampa che le sue parole erano del tutto ironiche, provocatorie.