Sono arrivati da poco a Grosseto i cuccioli che in futuro si occuperanno della sicurezza del paese. Infatti al Centro Veterinario Militare del posto è giunta una numerosa cucciolata, che non aspetta altro che essere addestrata dai responsabili. Non sarà sicuramente un compito facile, ma coloro che lavorano al Centro sono appassionati di animali, questi cuccioli rappresentano un vero e proprio affetto. Per allevare degli animali così piccoli serve molta pazienza, bisogna attendere i risultati nel tempo, ma quando questi arrivano sono sorprendenti. Questi cani una volta adulti potranno collaborare con i loro colleghi umani nell’ambito di missioni sia in patria che all’estero. 

Oramai è risaputo che le unità cinofile rivestono un ruolo di notevole importanza per quel che riguarda la sicurezza e le attività della pattuglia. Potranno affiancare i soldati nelle missioni e quindi potranno aiutarli, ad esempio, a disinnescare bombe trovando il carico di esplosivo prima che questo possa causare danni. Infatti grazie al loro fiuto eccezionale e grazie ad anni e anni di addestramento, questi fantastici animali sono capaci di cose che neppure possiamo immaginare. Il ruolo dei cani spesso viene sottovalutato da alcuni: ma persino all’epoca del coronavirus i cani si stanno rivelando degli ottimi strumenti oltre che amici. 

Basti pensare, ad esempio, che nel Regno Unito sono in corso delle sperimentazioni per capire se i cani possano individuare le persone affette dal covid. In Italia invece continuiamo a servirci di loro per il bene del paese: una volta terminato l’addestramento questi cuccioli di pastore belga saranno capaci di atti eroici. Tra questi rientrano i ritrovamenti di bombe e simili, ecco perché tali cani sono usati per sventare attentati e salvare centinaia di vite talvolta. Il loro fiuto è addestrato a percepire le sostanze chimiche utilizzate per produrre armi, quindi sono infallibili.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here