Aiutare una struttura sanitaria non è mai stato un atto così tenero: ci riferiamo alla vicenda accaduta a Bergamo, dove una coppia ha deciso di mettere in vendita i propri cuccioli e, con il ricavato, aiutare l’ospedale Papa Giovanni  XXIII. Ai tempi del coronavirus c’è un disperato bisogno di atti del genere, considerando che le strutture sanitarie sono sovraffollate e, un aiuto del genere è sempre ben accetto. I benefattori si chiamano Raimondo e Marcella e la loro Nanouk ha da poco partorito nove piccoli, tutti venuti alla luce senza problemi, tutti perfettamente in salute, che aspettano solo di trovare una casa.

Sono dei Bellissimi esemplari di Alaskan Malamute, infatti le richieste non hanno tardato ad arrivare. I proprietari sono stati sommerse dalle telefonate, hanno dovuto quindi fare una dura selezione; visto l’intento benefico, la notizia si è diffusa alla velocità della luce ed è stata pubblicata anche e soprattutto sui quotidiani locali. In tal modo ha raggiunto un enorme pubblico, che da apprezzato molto il gesto della coppia. Infatti si tratta di una occasione unica per adottare dei cuccioli bellissimi che non sono nemmeno facilissimi da trovare, e allo stesso tempo fare del bene nel corso di una situazione che ci sta facendo soffrire oramai da mesi.

Ancora non sono stati venduti tutti: prima di darli via, i proprietari hanno specificato che ci sono delle ben precise responsabilità. Quando si vive con un Alaskan Malamute infatti, bisogna considerare che, se all’inizio è solo un batuffolo di pelo, una volta adulto raggiunge i 60 cm di altezza. Quindi ha bisogno di spazi ampi e di tutte le attenzioni che un carattere giocherellone ma leale come il suo può richiedere. Non è una decisione facile quella di lasciar andare via questi piccoli cuccioli, ma senza dubbio si tratta di una saggia scelta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here