Il parco nazionale di Yosemite è uno dei più famosi del suo genere: e per rendersene conto basta cercare qualche foto sul web. Il parco di Yosemite si trova in California e rappresenta una vera e propria istituzione, infatti nell’area protetta è presente una enorme varietà di flora e fauna. Di solito in questo periodo dell’anno i turisti affollano il parco, provengono da tutti gli stati e si riversano nel verde della struttura. Probabilmente però, la folla non è proprio la situazione preferita degli animali, che in queste settimane a motivo della quarantena si stanno riappropriando dei propri spazi. 

In genere la primavera è la stagione preferita dei turisti, che approfittano delle belle giornate e del sole per visitare tali meraviglie paesaggistiche. Il parco si estende per oltre 3mila km quadrati e la maggior parte di esso è incontaminata: infatti secondo alcune stime, l’89% del parco è ancora intatto, il che vuol dire che non è stato devastato dall’operato dell’uomo ma è ancora selvaggio. A caratterizzare ancor di più il parco nazionale di Yosemite è la catena montuosa della Sierra Nevada, un’altra meraviglia della natura che ospita circa il 50% della popolazione di piante di tutto lo stato della California. 

Quest’anno la situazione, sia dal punto di vista ambientale che animalista è molto migliorata rispetto agli scorsi anni: basti pensare alle infinite file di automobili che regolarmente percorrono le vie che costeggiano il parco. Chilometri e chilometri di fila, con tanto di smog e tutto l’inquinamento che una tale quantità di automobili può causare. Così sono usciti allo scoperto tutti gli animali, dai più grandi ai più piccoli, si tratta di orsi e alci, ma anche piccoli roditori. Per la prima volta questi sono usciti allo scoperto, dal momento che non ci sono i tanto temuti esseri umani a spaventarli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here