In occasione dell’Earth Day 2020 un fotografo di fama mondiale ha deciso di pubblicare un lavoro straordinario, una vera e propria opera d’arte. Si tratta di Joel Sartore, un fotografo che da anni collabora con National Geographic, appassionato di animali. Ha lanciato il “Photo Ark”, volto a valorizzare tutti gli animali, ma che in primo luogo vuole spostare l’attenzione su tutti quegli esemplari a rischio di estinzione. Sartore ha raccontato la sua passione: ha cominciato con gli animali di piccola taglia, come topi e simili, utilizzando una tecnica molto particolare in cui mostra molto bene gli occhi dei suoi amati animali. 

Gli animali sono immortalati su uno sfondo nero, in modo che nulla possa distrarre l’attenzione dai loro occhi, che comunicano, stabiliscono una connessione molto profonda con gli spettatori. Il progetto di Sartore, è stato realizzato proprio in occasione dell’Earth Day, il giorno che ufficialmente è dedicato al nostro pianeta, occasione che almeno in Italia verrà rimandata a motivo della pandemia da coronavirus. L’idea è quella di immortalare gli animali a rischio estinzione in una simbolica arca fotografica così che, quando probabilmente non ci saranno più ancora ci sarà il loro ricordo. L’obiettivo però è quello di ritardare questo momento quanto più è possibile.

Infatti la Photo Ark ha anche un altro scopo, ovvero quello di sensibilizzare il pubblico verso il tema dell’estinzione, in modo che gli esseri umani possano divenire una parte attiva contro quello che è un cambiamento epocale e distruttivo del nostro bellissimo pianeta. Come ha spiegato il fotografo, bastano piccoli gesti, come limitare o eliminare il consumo della carne, o più in generale tutte quelle attività che comportano un pericolo per gli animali. Anche la deforestazione è un problema che sta molto a cuore al fotografo in quanto fra le principali cause dell’estinzione di alcune specie animali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here