Sembra una decisione alquanto cruenta, orribile, ma la gestione dello zoo pensa che, giunti a questo punto sia l’unica attuabile. La notizia proviene dalla Germania, dove come è avvenuto nel nostro Paese, tutti gli zoo, i parchi e le strutture analoghe in cui si creano assembramenti sono state chiuse al pubblico. Dopo settimane di lockdown cominciano i veri problemi, così, come ha fatto sapere la direttrice dello zoo di Neumunster, a mali estremi si adotteranno soluzioni altrettanto estreme. In tal modo Verena Kaspari ha annunciato che, per sfamare una parte degli animali del suo zoo sarà costretta a sacrificarne altri.

Senza dubbio è una decisione presa a malincuore ma, in mancanza di altri fondi la donna non è riuscita a trovare un’alternativa. Infatti, come ha detto ai media, normalmente avrebbe utilizzato gli introiti per acquistare il cibo, come il pesce fresco: ma la carenza di visitatori e quindi dei necessari fondi rende il tutto impossibile. Quindi, per evitare che tutti muoiano di fame lei e tutto il personale hanno stilato una lista di priorità, la quale prevede l’uccisione di alcuni animali per darli in pasto ad altri. La decisione ha scatenato non poche polemiche, ma si tratta di una misura necessaria, ha detto la donna che non vede altra via d’uscita per questa situazione tragica.

Nei prossimi giorni verrà attuato il piano, verranno sacrificati i più deboli; anche perché, se non si procedesse in tal modo, il rischio sarebbe peggiore e, a perdere la vita, sarebbero tutti gli animali che popolano lo zoo, non solamente una parte. L’intervista che ha catturato l’attenzione dei media è stata rilasciata al quotidiano tedesco Die Welt, che ha raccolto l’urlo di disperazione della direttrice e di tutto lo staff dello zoo. I quali, si trovano costretti ad attuare soluzioni estreme in una situazione difficile come questa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here