Ieri Andrea Bocelli si è esibito davanti ad un pubblico immenso, ha voluto dedicare alcuni brani molto significativi a tutte le grandi città e quindi persone colpite dal coronavirus. Per farlo ha tenuto un concerto in solitaria al Duomo di Milano, scenario che ha reso il tutto ancora più emozionante. Ha concluso il suo concerto con un’emozionante versione di Amazing Grace, mentre lo sfondo mostrava le strade di alcune capitali tragicamente colpite dal virus, come Londra, Parigi e New York. La diretta è stata molto apprezzata dal pubblico internazionale, infatti ha raggiunto 2, milioni di visualizzazioni, mentre nel corso della stessa giornata le visualizzazioni di “Music for Hope” hanno toccato i 25 milioni.

Per lo stesso tenore, il momento è stato molto intenso, emozionante, ed essendo la giornata di Pasqua, egli ha voluto esaltare maggiormente il suo significato. I brani pieni di parole di speranza infatti non sono stati scelti a caso, dalla Sancta Maria di Mascagni all’Ave Maria di Bach. In ultimo ha spiegato il significato che ha per lui la Pasqua cristiana, l’importanza di essere uniti e pregare tutti insieme, volendo lanciare un messaggio di amore sia ai credenti che ai non credenti. Il messaggio è stato tradotto anche in inglese, affinché potesse essere compreso dai cittadini di tutto il mondo. 

Questa Pasqua è stata senza dubbio anomala, strana, per molti tragica, ecco perché un messaggio di amore e di speranza è più che appropriato per affrontare al meglio questo momento difficile. Andrea Bocelli ha vissuto un’esperienza unica e profonda: l’ultimo brano lo ha eseguito all’esterno del duomo, in una piazza che solitamente è affollata, ma ieri era deserta. Un ricordo degno di essere custodito nel tempo, un momento di riflessione e di unità per tutto il paese ma non solo, anche per le città che, analogamente a quelle italiane, stanno soffrendo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here