Il papà di Rihanna si è ammalato negli scorsi giorni, risultando positivo al coronavirus; l’uomo, Ronald Fenty, ha 66 anni ed ha sviluppato tutti i sintomi correlati all’infezione. La sua famiglia infatti ha vissuto dei momenti difficili, ma alla fine tutto è andato per il meglio e, grazie all’aiuto della figlia che lo ha assistito da lontano, Fenty si è ripreso ed è guarito. Lo spavento anche da parte dell’uomo, non è stato poco, infatti ha dichiarato alla stampa che ha pensato a momenti di non farcela, ha temuto la morte. Febbre e difficoltà respiratoria, questi i sintomi: ma per fortuna la figlia ha provveduto con un respiratore e altri accessori, facendoglieli recapitare a casa.

Un gesto bellissimo che in questi tempi risalta, anche da lontano Rihanna è stata in grado di assistere il padre. Non solo però chi è di famiglia, la star si è prodigata nello scorso mese di marzo per aiutare tutti coloro che sono in difficoltà a motivo del covid. E lo ha fatto con una bella donazione di  milioni di dollari, i quali sono stati spesi in test e sono stati distribuiti per sfamare la fetta di popolazione che versa in condizioni di povertà. Non è tutto, come ha fatto sapere la cantante, che ha già pronto un ulteriore piano per aiutare i meno abbienti dal punto di vista economico. 

Non si tratta solo di economia però, Rihanna sta ponendo grande attenzione su un altro aspetto molto importante, ovvero la violenza domestica. Con la situazione attuale infatti molti hanno avuto modo di sfogare sui propri familiari indifesi, le vittime che in questo caso sono domme e bambini. Ecco perché, come accaduto in Italia, Rihanna ha deciso di stanziare un’altra donazione per mettere al sicuro tutti coloro che, in casa propria, hanno a rischio la propria incolumità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here