Sono 30 i sanitari arrivati nel nostro paese tra medici e infermieri: direttamente dall’Albania, sono stati selezionati per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Al loro arrivo hanno trovato il Ministro Luigi Di Maio ad accoglierli, il quale ha fatto i dovuti ringraziamenti al governo albanese, che per la solidarietà dimostrata in questi giorni difficili merita di entrare quanto prima nell’Unione Europea. Di Maio ha voluto ringraziare innanzitutto il Premier albanese Edi Rama, che ha tenuto un discorso molto toccante nei confronti degli italiani, affermando che non ha dimenticato il nostro paese. “Non siamo ricchi”, ha detto, “ma non dimentichiamo quello che l’Italia ha fatto per noi”.

Il discorso, tenuto in un italiano fluente, era molto sentito, si poteva ben vedere negli occhi del Premier, che adesso insieme al resto della popolazione si appresta ad affrontare l’emergenza coronavirus anche in Albania. Anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha ringraziato pubblicamente il paese che, nonostante tutto, nonostante le condizioni, ha fatto il possibile per aiutarci. Siamo tutti italiani, come ha affermato il Presidente albanese, e in questo momento aiuti e solidarietà devono essere al centro dell’attenzione, un unico obiettivo. Dopo il diverbio con i paesi europei, che non sono stati pronti nella risposta all’emergenza da coronavirus, l’Albania ha dimostrato un grande spirito di sacrificio.

I medici e gli infermieri atterrati in Italia saranno mandati in Lombardia, una delle zone maggiormente colpite e che in questo momento ha più bisogno di aiuti. Mentre tutti sono rimasti sconvolti da un’Europa che ci ha voltato le spalle, ci sono altri paesi, che per fortuna ci stanno sostenendo. E fra questi ci sono i 30 professionisti albanesi che volontariamente hanno deciso di mettere a rischio la propria vita per portare soccorso proprio alle zone d’Italia più colpite, in cui la situazione è più grave.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here