Il signor Pierpaolo è un uomo sulla sessantina, alto dall’aspetto distinto, che in questi giorni ha fatto molto parlare di sé. Il motivo per il quale un cittadino della città di Torino ha addirittura catturato l’attenzione dei giornali è un’abitudine anomala per il suo animali domestico. Ma ci spieghiamo meglio: il signor Pierpaolo da anni possiede un gatto di nome Toby, e da sempre ha avuto l’abitudine di portarlo a spasso. Cosa che, fino a un mese fa avrebbe potuto passare inosservata, ma in questi giorni di quarantena a motivo del coronavirus risulta alquanto insolita proprio perché si tratta di un gatto e non di un cane, per il quale ci si aspetterebbe un guinzaglio.

Il simpatico scenario è questo: le strade del capoluogo piemontese sono deserte come è giusto che sia: l’unico passante è il signor Pierpaolo, che cammina con il suo gatto sulle spalle, indifferente a tutti e a tutto. L’uomo è stato intervistato e ha raccontato della sua storia con Toby: non sta assolutamente sfruttando l’animale per evadere la quarantena, ma è un’abitudine che da sempre, sin da quando ha adottato il gatto, ha avuto. Ora Toby non riesce a fare a meno della sua passeggiata in giro per la città, così può accompagnare il suo padrone per le strade di Torino in quarantena.

A volte, racconta il signor Pierpaolo, in passato, gli ha messo il guinzaglio e lo ha portato in giro, suscitando lo stupore dei passanti. Il guinzaglio si rende necessario solo in determinate situazioni, in genere Toby si posiziona in piedi sulle spalle del suo proprietario, una scena che sicuramente non capita di vedere tutti i giorni. E se non viene portato fuori il gatto comincia a piangere, a miagolare, quindi oramai quella della passeggiata in città è divenuta una vera e propria esigenza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here