Uno stanziamento di fondi pari a 25 miliardi, come ha annunciato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Si tratta di denaro mobilitato per far fronte all’emergenza sanitaria, con l’auspicio che il resto dell’Europa segua l’esempio del nostro paese. Il Premier ha voluto manifestare anche con le parole la sua vicinanza ai cittadini, alle imprese, ai commercianti e ai liberi professionisti. “Siamo consapevoli che questo decreto non basterà, ma vogliamo dire alle famiglie che il governo oggi dice ‘Presente’”, queste le parole di Conte per rassicurare le persone, annunciando la mobilizzazione di altri 350 miliardi per far fronte alla crisi, oltre che sanitaria anche economica.

Con orgoglio inoltre il Presidente ha parlato di modello italiano, che gli altri paesi coinvolti dovrebbero seguire; infatti siamo stati i primi a mettere in atto misure restrittive, i primi a mobilizzare ingenti somme di denaro per far fronte alla situazione. Non si tratta solo di contenere il contagio, ma di sostenere tutti coloro che ne subiscono in un modo o nell’altro gli effetti collaterali. Ha utilizzato una metafora molto esplicativa, asserendo che non si può combattere un’alluvione con secchi d’acqua e stracci, ma che bisogna affrontare la difficoltà con le giuste misure.

Ha concluso esprimendo infine tutto il suo orgoglio verso ogni singolo cittadino italiano, dai medici che sono impegnati in corsia per tutta la giornata ai cassieri dei supermercati, che in questo momento storico stanno vivendo il loro lavoro con grande impegno e difficoltà. Ovviamente il merito è anche di coloro che rimangono a casa, seguendo le raccomandazioni e quello che è divenuto il trend del momento. Il Premier si è detto onorato di poter guidare il nostro Paese in questo momento così complesso ma allo stesso tempo così importante. Continuando ad agire come una comunità e rispettando le regole, presto sarà tutto finito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here