Un gatto come mascotte dei vigili del fuoco: sembra un abbinamento alquanto insolito, ma non lo è, almeno a Mosca, dove la storia del felino ha spopolato. Si chiama Tushila e in pochissimo tempo ha conquistato l’affetto e la simpatia dei pompieri che oramai si sono abituati alla sua presenza. Il gatto è divenuto a tutti gli effetti un membro del corpo dei pompieri, che lo portano con piacere durante le loro uscite di gruppo. Ma ecco com’è cominciato tutto: la classica storia del gattino in pericolo che viene salvato dai pompieri, proprio così è accaduto nel caso di Tushila.

La squadra di soccorso era impegnata a domare un incendio in un palazzo: i pompieri stavano lasciando la struttura quando si sono imbattuti in un piccolo gatto. Giaceva solo e spaventato sulle scale, le fiamme e la cenere lo avevano indebolito parecchio, ma per fortuna era ancora vivo. Allora i pompieri hanno deciso di portarlo con loro e, subito dopo aver lasciato il palazzo in cui oramai avevano spento le fiamme hanno portato il felino dal veterinario. Appena in tempo per giunta, infatti il piccolo aveva riportato delle piccole ustioni e, nel tentativo di scappare dal fuoco si era ustionato le zampette e una parte del corpo.

La riabilitazione è stata dura, per il gatto è servito un mese, passato il quale si è risolto tutto nel migliore dei modi. Ma, una volta guarito il gatto ha comunque ricordato i suoi soccorritori e la cosa è stata reciproca, infatti i pompieri lo hanno accolto con gran gioia nella loro caserma. E qui gli hanno dato il nome che porta ancora oggi, ovvero Tushila, che nel tempo è diventato la mascotte dell’intera caserma. A breve è previsto un trasferimento per il gatto, in quanto uno dei pompieri ha deciso di portarlo a casa come dono per suo figlio, che lo ha sempre desiderato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here