Gli acquisti online possono rivelarsi delle vere e proprie truffe; a subirne le conseguenze sono gli acquirenti ignari di tutto. Stavolta è stata ingannata una donna di 35 anni di Reggio Emilia, che voleva solo comprare un cucciolo e si è affidata al mercato virtuale. Il mercato degli animali purtroppo comprende un’ampia fetta di affari sommersi, che spesso e volentieri sono illegali. Dato che il prezzo di un cucciolo non scende mai al di sotto delle centinaia di euro e gli appassionati sono disposti a spendere grosse cifre, i venditori spesso gonfiano appositamente le cifre, ricavandoci delle ingenti somme di denaro.

Bisogna considerare però, che il web è un luogo non sempre sicuro anzi fin troppo spesso è il ritrovo di truffatori e ladri. La 35enne in questione aveva visto un cucciolo di bulldog francese e fin dal primo momento se ne era innamorata. È stata disposta a spendere più di 600 euro per un cucciolo che non è mai esistito e che di sicuro non le è mai arrivato. A differenza del pagamento effettuato per acquistarlo, che invece è stato reale: la truffata ha versato prima una caparra di 200 euro, per garantire l’acquisto, in modo che non fossero altri a comprare il cane.

In seguito, dopo aver bloccato il suo acquisto con la caparra, ha versato la parte restante del pagamento, come pattuito con l’altra parte, una donna di 44 anni di Caserta. Il secondo versamento era di 450 euro, che la donna ha consegnato senza pensarci troppo, in attesa dell’arrivo del suo cucciolo. Dopo qualche giorno, ha capito di essere stata raggirata quando il cucciolo non è mai arrivato a casa sua, quindi allarmata ha chiamato le forze dell’ordine. Gli agenti, dopo un lungo lavoro sono riusciti a risalire all’identità della donna grazie ai numeri di telefono e l’hanno accusata di truffa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here