La ricordiamo tutti per la nota canzone che dice “Acido-Acida”, un must degli anni ’90 che oggi ancora canticchiamo con piacere. Si tratta di Elisabetta Imelio, la cantante e bassista conosciuta, fra le altre cose, per aver fatto parte dei Prozac+, la band che una trentina di anni fa ha spopolato fra i giovani. Elisabetta stava lottando da tempo contro un male più grande di lei, aveva un cancro al seno che credeva, come i medici, di aver sconfitto. Aveva riportato dei miglioramenti dopo l’ultimo ciclo di terapie, infatti era certa di aver sconfitto il suo male.

Dopo la fine dell’esperienza con i Prozac+ aveva fondato un nuovo gruppo con Gian Maria Accusani, uno dei suoi vecchi compagni della band. Si chiamavano i Sick Tamburo, e proprio con loro aveva inciso il singolo che avrebbe voluto far ascoltare a quante più persone possibile. Si intitola “La fine della chemio”, ed è un canto di speranza, di sollievo: l’aveva cantata insieme ai suoi vecchi amici, tra cui Jovanotti e Manuel Agnelli. Secondo un’intervista rilasciata a Glamour, era suo desiderio che un vasto pubblico la ascoltasse: tale esperienza risale al 2018, quando la cantante e bassista aveva avuto finalmente dei miglioramenti.

Elisabetta si è spenta nella notte fra il 29 febbraio e il 1° marzo, lasciando tutta la sua famiglia nel lutto. Ha lasciato una figlia, avuta con il compagno, che poco tempo fa ha espresso il desiderio di sposare. Aveva 44 anni e oramai il cancro non le aveva lasciato alcuna speranza, si era esteso anche al fegato nonostante tutte le cure e i trattamenti dei medici. I Sick Tamburo avevano fatto una scelta artistica, infatti ogni volta che si esibivano lo facevano celando il proprio volto con un passamontagna. Il singolo dedicato alla fine della sua chemio le aveva dato una nuova felicità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here