Due piccoli orsi ritrovati congelati nella neve della Russia: questa storia ha fatto il giro del web e le immagini sono molto tristi. I due erano protetti dalla madre, e inizialmente non si capiva perché questa fosse scappata lasciando i suoi piccoli in balia di eventuali predatori. Invece i cuccioli sono morti a motivo del freddo, e quando sono arrivati i soccorritori e li hanno trovati in mezzo alla neve e al ghiaccio immobili, oramai non c’era più niente da fare. Nonostante i tentativi di rianimarli è stato tutto inutile, i due erano rimasti per troppo tempo gelati, consumati dalle basse temperature.

Poi dopo le indagini dei responsabili di quell’area del bosco, nell’oriente della Russia, è venuta fuori la verità su questa tragica storia. I due piccoli orsi si trovavano insieme alla mamma, quando questa è stata aggredita da due boscaioli: gli uomini stavano tagliando degli alberi, stavano facendo semplicemente il loro lavoro. Poi, dopo aver finito con gli alberi hanno avuto l’idea di ubriacarsi, così per divertimento; il problema p che, dopo essersi ubriacati, hanno visto la mamma orsa che dormiva accanto ai suoi cuccioli. In quel momento in preda all’ebbrezza hanno deciso di svegliarla per gioco, per puro divertimento.

L’orsa, spaventata dal rumore improvviso e vistasi circondata da più uomini ha reagito come c’era da aspettarsi aggredendo i boscaioli. Questi, nel tentativo di difendersi hanno usato l’unica arma che avevano a disposizione, ovvero un motosega. Quindi hanno ferito la mamma orsa con tale strumento e poi si sono dileguati; l’orsa a sua volta, ferita e spaventata, si è allontanata dalla sua tana, nella quale è stata costretta ad abbandonare i figli. Solo alcuni giorni dopo questi sono stati ritrovati, ancora intatti ma uccisi dalla rigidità delle temperature locali e dal ghiaccio che li ha praticamente ricoperti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here