Ancora fioccano le denunce e le proteste nei confronti di chi maltratta gli animali. L’ultimo caso di violenza, ma stavolta dovuta a difesa personale secondo colui che l’ha compiuta, è avvenuto a Firenze, dove un uomo ha ucciso il proprio cane, un pitbull, a coltellate. È stato l’uomo stesso a chiamare il 118 e, quando le squadre di soccorso sono giunte sul posto, l’uomo aveva riportato un morso sulla mano, mentre il suo cane giaceva a terra in una pozza di sangue, ovviamente senza vita. Il responsabile ha giustificato la sua mossa nei confronti del pitbull dicendo che, negli ultimi tempo, il cane era divenuto alquanto violento.

Ma a nulla sono servite le sue parole in quanto quel che ha fatto ha scatenato l’ira degli animalisti e non solo; in Toscana e in nel resto del paese tale episodio ha destato una sorprendente indignazione. L’uomo è stato denunciato per aver massacrato il suo animale domestico, anche i carabinieri che sono giunti sul luogo sono rimasti sconvolti da tanta brutalità nei confronti del cane. Nella periferia nord del capoluogo toscano è stata organizzata anche una manifestazione a tema, per sensibilizzare il pubblico su un argomento tanto importante come la violenza sugli animali.

Tra i manifestanti alcuni coordinatori dei principali movimenti animalisti della regione, i quali chiedono una maggiore attenzione nei confronti degli amici a quattro zampe sin dalla più tenera età. Anche nelle scuole bisognerebbe insegnare ai bambini cosa significa avere rispetto e amore per gli animali, un tipo di mentalità che per alcuni è andata perduta. È stata richiesta anche una legge che prevede dei controlli su tutti gli animali, dal momento in cui vengono affidati o venduti a qualcuno, per assicurarsi che non siano maltrattati. Un giorno tutto ciò potrebbe diventare realtà, nel frattempo si continua a denunciare questo tipo di episodi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here