Cinque cani in fin di vita sono stati ritrovati in un’isola di Tenerife: una scena pietosa, quelli che una volta saranno stati animali pieni di vita e aspettative si sono ritrovati denutriti. Così sono stati trovati almeno dai volontari di un rifugio, che sono rimasti sconvolti dalle condizioni in cui hanno visto gli animali. Di carne quasi non ce n’era più, i cani erano tanto denutriti da lasciar vedere le ossa, molto probabilmente non mangiavano né bevevano da mesi. Le loro condizioni igieniche erano più che discutibili, erano stati abbandonati da chissà quanto tempo in un burrone munito di recinzione, in modo che non potessero mai scappare.

In condizioni pietose, ricoperti di parassiti e senza cibo né acqua: questa la denuncia dei responsabili del rifugio che si è preso carico di questi cinque esemplari. Le zecche oltre a ricoprire il loro corpo per intero, hanno divorato le orecchie dei cani, rendendoli mostruosi: una scena che spezza il cuore. Ma nonostante ciò i cuccioli hanno ancora tanta voglia di vivere e, per loro fortuna sono stati ritrovati appena in tempo, non si sa quanto altro tempo avrebbero potuto ancora resistere senza mangiare né bere, rinchiusi in quella prigione che dava loro solo sofferenza.

I volontari che li hanno liberati li hanno sottoposti a cure mediche e riabilitative, ora sarà questione di settimane affinché possano riprendersi del tutto. Tre di loro sono anche registrati con tanto di microchip, quindi sono riusciti a risalire al proprietario, un cacciatore della zona. Non è chiaro il perché di una tale scelta, non si sa perché li abbia abbandonati in quello stato, in quella prigione decretando la loro morte. È stata presentata una denuncia nei suoi confronti, ma potrebbe venir fuori che è estraneo alla vicenda, e allora i cani potrebbero addirittura essere affidati a lui nuovamente.  

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here