Una mamma coraggio, meglio conosciuta per essere la patron di Miss Italia, è stata costretta a denunciare il proprio figlio a motivo della sua tossicodipendenza. Una scelta molto difficile, tra le peggiori che si possano fare, ma è stato per il bene sia di lui che della famiglia; la madre in questione è Patrizia Mirigliani, che di fronte alla situazione del figlio ha capito di non avere scelta. Lui da parte sua, non ha mai accettato tale provvedimento e, a distanza di anni ancora non ha perdonato la madre pur ammettendo il suo problema con la droga, che lo aveva portato a diventare qualcun altro.

Ora il giovane ha 31 anni, sono trascorsi ben 13 anni da quando è cominciato il suo problema di tossicodipendenza e dichiara di essere pulito. Ma la mamma ha raccontato l’inferno attraverso il quale è dovuta passare assieme al resto della famiglia; ha raccontato ai media di tutte le minacce subite dal proprio figlio. Telefonava a casa urlando, chiedeva continuamente soldi, minacciava e faceva dei furti in casa pur di ricavarci qualcosa. La situazione era diventata insostenibile quando la madre lo ha denunciato e lui è stato accusato per minacce, estorsione e violenza.

Prima di tutto ciò però la mamma ha preso altre vie, meno drastiche: lo ha portato il ben sette comunità, ha cercato in tutti i modi di disintossicarlo da questo male che il giovane si portava dietro dai suoi 18 anni. Lui tuttavia, non l’ha ancora perdonata e trova inaccettabile il suo comportamento, nonostante le buone intenzioni celate dietro quella chiamata di denuncia. È ben consapevole dei problemi passati e ora ha detto di essere pulito, ma ancora non riesce a perdonare la madre, che secondo lui ha fatto una delle peggiori azioni che una mamma possa fare nei confronti di un figlio e vuole renderla pubblica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here