I gatti sono noti al grande pubblico per essere dei felini alquanto freddi e distaccati: nell’immaginario collettivo, a differenza ad esempio dei cani, non sono in grado di dimostrare grande affetto nei confronti di altri esseri viventi. Tuttavia sono molte le storie che hanno permesso di smentire tali dicerie, basate spesso su antichi stereotipi risalenti a centinaia di anni fa. La vicenda più recente arriva dalla Polonia ed il protagonista della toccante storia si chiama Rademenes, un gatto che qualche anno fa è stato letteralmente strappato alla morte dai volontari di un rifugio per animali, che oggi continua a prendersene cura.

Accade nella città di Bydgoszcz: anni fa il micio Rademenes arrivò in condizioni pessime, aveva contratto una terribile infezione respiratoria e, stando a quel che dicevano i veterinari non gli sarebbe rimasto molto da vivere. Ma a dispetto della diagnosi disperata il miracolo è accaduto, il gatto si è ripreso alla grande e, dopo un brutto periodo di malattia è tornato ad essere quello di una volta. Ma Rademenes non ha dimenticato la cura che gli altri hanno avuto di lui, anzi ha trovato un modo tutto suo di dimostrare gratitudine, un modo molto umano. Così durante la sua permanenza nella cittadina polacca si prende cura degli altri animali che giungono dalla strada al rifugio.

Secondo i racconti dei volontari che lavorano nella struttura infatti, il gatto si posiziona amorevolmente accanto ai nuovi arrivati e li fa sentire a casa, al sicuro, assistendoli come se fosse un infermiere. Grazie a lui molti suoi simili a quattro zampe si sentono rassicurati anche se arrivano in un ambiente del tutto nuovo che potrebbe destar loro dei timori. Rademenes sta cercando di ricambiare, vuole far sapere ai suoi salvatori umani che è loro molto grato di quanto ricevuto, che ora vuole condividere lo stesso amore con altri animali meno fortunati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here