A volte non accettare il proprio fisico può condurre a disturbi seri, tra cui la bulimia. Ed ecco la triste storia di una giovanissima studentessa inglese di soli 21 anni che è venuta a mancare proprio per un motivo simile. La giovane ragazza era di Shrewsbury, in Gran Bretagna e da qualche tempo aveva sviluppato un brutto disturbo alimentare; la sua storia in realtà risale all’anno 2015 ma solo ora sono stati resi noti i dettagli della sua morte ed è stato anche trovato un colpevole. Sì, colpevole perché Eloise Parry – così si chiamava la 21enne – è stata uccisa dalla brama di chi pur di arricchirsi vende veleno.

La studentessa aveva acquistato, poco prima della sua morte, delle pillole per dimagrire; sin dal primo momento era noto che fosse morta a causa della sua malattia, ma dopo aver svolto varie analisi i risultati sono stati terrificanti. Le sostanze contenute nelle pillole che la giovane assumeva regolarmente sono le stesse che venivano usate all’incirca un secolo fa per fabbricare le munizioni durante la Prima Guerra Mondiale. Ma lei non ne aveva idea, quel che voleva era perdere peso, sentirsi bella e accettata, così aveva sperimentato questa nuova cura, che le aveva creato una vera e propria dipendenza.

Non è la prima volta che si sente una notizia del genere e spesso tali prodotti vengono venduti anche a caro prezzo per soddisfare le esigenze di coloro che vogliono perder peso. Nessuno però mette in risalto gli effetti collaterali che, nella peggiore delle ipotesi come è accaduto a Eloise, comprendono l’insufficienza multiorgano, che conduce necessariamente a morte. A essere condannato è Bernard Rebelo, un uomo di 32 anni che acquistava il prodotto dalla Cina e lo rivendeva in Inghilterra. Si tratta di una polverina gialla letale, i cui effetti sono stati tristemente dimostrati sulla giovane studentessa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here