Buon San Valentino a tutti, o quasi a tutti: per il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg le cose non si sono messe proprio bene in quanto contava di lanciare la sua ultima novità sul mercato. Dopo aver acquistato quasi tutti i servizi di social e messaggistica, inclusi WhatsApp e Instagram Zuckerberg ha deciso di mettere i bastoni fra le ruote anche a Tinder, la nota app per incontri. La notizia è giunta già da mesi, è ormai divenuta una cosa nota che il fondatore di Facebook vuole lanciare una variante Dating del social network fra i più utilizzati al mondo.

Facebook Dating dovrebbe avere lo scopo di aiutare i suoi utenti a trovare dei potenziali partner, la piattaforma è già stata lanciata negli Stati Uniti e in tutto è ora disponibile in 20 paesi. Tuttavia, nonostante l’attenzione alla privacy tanto ostentata dal suo fondatore, pare che in Europa abbia trovato degli ostacoli non da poco. Infatti se negli altri paesi è riuscita a spopolare nel nostro continente si è trovata di fronte ad un vero e proprio problema. Si tratta del regolamento Europeo sulla Protezione dei dati personali: già quando il colosso dei social acquistò WhatsApp precisò che la sua attenzione per la privacy degli utenti è una priorità.

Tuttavia la Data Protection Commission irlandese ha trovato alcuni dati mancanti, quindi per il momento Facebook Dating non potrà fare il suo approdo in Europa. Ma non basta questo a scoraggiare Zuckerberg, che ha prontamente reagito annunciando di voler posticipare il lancio della sua nuova piattaforma di incontri. Anche se sostiene di aver messo ben in chiaro le sue norme sul rispetto della privacy ancora ci vorrà del tempo prima che l’app venga riconosciuta anche qui, quindi bisognerà aspettare che sia pronta per il mercato europeo, per citare le esatte parole che lui ha detto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here