Una ciotola smart per nutrire il vostro gatto in maniera intelligente? Si chiama SureFeed ed è stata testata e forse approvata da Wired, testata giornalistica online che ha recensito il prodotto. Non si sente parlare spesso di ciotola smart, e chi non possiede un gatto non può neppure immaginare di spendere all’incirca un centinaio di euro solo per una ciotola. Ma cos’avrà di tanto speciale questo dispositivo che ha da subito attirato l’attenzione sul web? Innanzitutto è in grado di dosare e pesare le razioni di pasto, aprendosi in automatico ogni volta che il gatto si avvicina, per dispensare una quota prestabilita di croccantini o altri tipi di cibo.

La sua comodità si può osservare soprattutto se si hanno più gatti, infatti il dispositivo elettronico della ciotola è programmabile, nel senso che è possibile abbinarlo al chip sottocutaneo del felino. In tal modo si aprirà se e solo se ad avvicinarsi sarà il gatto cui è destinata la razione di cibo in quando la ciotola sarà in grado di riconoscere chi si sta avvicinando. L’apertura è molto silenziosa, quindi il gatto non sarà affatto spaventato da rumori improvvisi o imprevisti simili. Certo, ci vorrà un po’ di tempo affinché il gatto si abitui al nuovo tipo di ciotola, anche perché all’inizio bisognerà schiacciare un tasto sul retro per abbinare il dispositivo al chip Rfid.

Tuttavia a lungo termine i risultati si vedono, la vita del proprietario del felino sarà senza alcun dubbio semplificata. Non dovrà più preoccuparsi di razionare il pranzo, la cena o lo spuntino: e il micio non potrà fare il furbo rubando la razione agli altri suoi simili, perché sono tutti riconosciuti dal chip. Per permettere l’apertura del dispositivo il gatto deve passare la testa sotto un’arcata di plastica. Inoltre SureFeed è ottima per chi vuole tenere il proprio gatto a dieta per problemi di peso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here