Giallo nel milanese, dove sono stati commessi degli efferati omicidi nei confronti di dozzine di cani. Il primo caso risale a qualche giorno fa, quando una signora stava passeggiando in un parco in periferia, vicino Legnano. Ha notato uno strano sacco nero, il classico che si usa per la spazzatura: se in un primo momento ha pensato che si trattasse solo di un incivile che si sbarazzava in modo inappropriato della propria immondizia, avvicinandosi è stata costretta a cambiare idea. Dal sacchetto fuoriuscivano delle zampe di cane, così la donna ha potuto realizzare cosa c’era nel sacco.

Nello stesso parco ne ha trovati altri due, contenevano altri cuccioli uccisi per mano umana, così ha contattato subito le forze dell’ordine. Gli animali sono stati sgozzati da qualcuno che dopo averli spietatamente uccisi, ha continuato a martoriare il loro corpo, molto probabilmente per estrarre il microchip. I casi di violenza in zona sono moltissimo, come riportato dalle fonti locali e come confermato dagli agenti della polizia milanese. Tuttavia bisogna porre un limite a questi atti disumani, anche se, dato che gli assassini hanno sprovvisto gli animali di chip, ora sarà quasi impossibile individuarli. Ma non tutto è perduto, infatti è stata offerta una ricompensa a chiunque aiuti gli inquirenti nella cattura degli assassini.

È accettata ogni tipo di informazione, anche se ad esempio, ci fosse un cane che manca da casa da diversi giorni. È stato riportato un altro evento che pure si è verificato in zona milanese, un omicidio meno cruento ma altrettanto terribile. Qualcuno ha preparato delle esche per cani, mettendoci all’interno del veleno. Ovviamente i cuccioli che sono cascati nella trappola non ce l’hanno fatta e sono stati uccisi da tale gesto, le cui motivazioni alla base non sono ancora per nulla chiare. Ecco perché i proprietari di cani dovranno prestare attenzione nei prossimi giorni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here