L’Australia può finalmente respirare, ma nel vero senso della parola: gli incendi che hanno terrorizzato e distrutto il paese negli ultimi mesi sono domati da una pioggia selvaggia che si è abbattuta su Sidney e Melbourne. La notizia ha entusiasmato gli abitanti e i media locali, che hanno gioiosamente diffuso la notizia sui social. Le temperature si sono abbassate contribuendo a creare un clima decisamente più vivibile, passando dai 40 gradi ai circa 17. È stata definita una bomba d’acqua la pioggia che si è scatenata nello stato del Victoria, e osservando i filmati se ne può capire il motivo.

Rovesci d’acqua che inonda le strade, vento che piega le palme e tanta esultanza da parte degli abitanti della zona. Senza dubbio la pioggia sta migliorando non poco la situazione che sembrava disperata, infatti sono mesi che gli incendi continuano senza fine. Sono morte trenta persone, un miliardo di animali che hanno perso la vita tra le fiamme e sono 8 milioni gli ettari di foresta che sono andati distrutti per sempre. Ora a preoccupare i governi locali e la popolazione è l’inquinamento causato dalle ceneri, che si sono sparse ovunque contaminando anche la diga principale da cui una buona parte del paese si fornisce di acqua.

Accade a Sydney, dove bisogna prestare molta attenzione all’acqua che si consuma in quanto non potabile. Neppure l’ebollizione può purificare le acqua contaminate dalle ceneri e, a lungo termine da tale contaminazione potrebbe derivare una ulteriore produzione di sostanze tossiche. Senza contare che la fauna marina è messa molto a rischio; la situazione pare essersi stabilizzata, ma secondo i meteorologi non andrà avanti per molto tempo. Secondo le previsioni infatti, già dalla prossima settimana le temperature sono destinate a salire, aumentando nuovamente. Ora il paese dovrà rimettersi in piedi dopo un lungo periodo in cui è stato messo a dura prova.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here