In questi giorni si è parlato tanto degli incendi che stanno devastando l’Australia: in tutta la tragedia che è costata circa un miliardo di vite se non di più, c’è una notizia positiva che ci dimostra la forza della natura. Non ci sono parole più adatte per descrivere quanto sta accadendo, infatti le foreste nonostante tutto si stanno rigenerando, seppure a piccoli passi, per rinascere com’erano un tempo. Purtroppo ciò che è andato perduto non sarà recuperabile in un breve tempo, ma già si vedono le prime piantine, i primi cespugli che rinascono dalle ceneri del disastro ambientale. Questo significa che c’è ancora una speranza, che nonostante tutto quel che abbiamo fatto agli ecosistemi, sono indistruttibili.

Ma non è tutto così facile in terra australiana e, se c’è una quota di animali che sono sopravvissuti al disastro, non si può dire che questi siano fuori pericolo. Attorno a loro ora c’è il nulla, nulla da mangiare, nulla da bere, non hanno più un posto dove ripararsi: in pochissimo tempo hanno perduto il loro habitat e si sono ritrovati a rischio estinzione. Ecco perché è stata presa una decisione dal governo locale, precisamente il National Park and Wildlife Service del New South Wales. I responsabili hanno stabilito che dal momento che gli animali non hanno più cibo, bisogna procurarglielo.

Così si sono letteralmente armati di provviste e hanno fatto in modo che tale cibo piovesse dal cielo. No, non è una metafora, gli uomini hanno caricato delle grosse quantità di carote e patate su degli altrettanto grandi elicotteri per lasciarli cadere lì dove ce n’è bisogno. Sarà sicuramente un gesto molto apprezzato dalle vittime degli incendi, che nei giorni scorsi cercavano cibo in ogni dove, fermando addirittura delle persone per strada, come è accaduto a un gruppo di ciclisti che si sono imbattuti in un koala denutrito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here