Un’operazione che ha destato l’attenzione di tutto il Sud Italia e non solo. A Napoli, precisamente al Secondo Policlinico, è stato trattato il caso di una donna di 79 anni affetta da aneurisma dell’aorta addominale. Si tratta di una deformazione dell’arteria, localizzata in un punto molto delicato, cioè vicino all’emergenza delle arterie renali. L’intervento è stato eseguito in via percutanea, cioè senza procurare grosse ferite o incisioni alla paziente, e questo è il primo caso del genere al Policlinico dell’Università Federico II. È stata inserita una protesi personalizzata perché un normale stent non sarebbe stato idoneo proprio per la presenza delle arterie renali.

Così l’equipe chirurgica di Napoli ha realizzato uno stent fenestrato, ovvero una protesi con due buchi a livello dell’insorgenza delle arterie renali. In corrispondenza delle due arterie che portano il sangue ai reni sono state posizionati altri due stent. I chirurghi hanno impiegato circa tre ore per portare a termine la procedura, che si è conclusa nel migliore dei modi. La protesi della 79enne è stata disegnata dagli esperti poco prima dell’operazione basandosi sull’angio-TC eseguita prima. L’ Unità Operativa Semplice Dipartimentale di Chirurgia Vascolare dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, guidata dal professor Bracale è stata orgogliosa dei risultati ottenuti.

Questo perché la procedura è innovativa, si tratta di una vera e propria novità, ragion per cui ha suscitato tanto stupore. È stato sottolineato l’approccio multidisciplinare adottato al Policlinico della Federico II, dove c’è stata la collaborazione di più reparti per terminare l’operazione. A ciò si aggiungono gli strumenti altrettanto efficaci e moderni che hanno permesso l’esecuzione. La donna dopo essere stata operata è stata due giorni in degenza, dopodiché è stata dimessa; al momento è in ottime condizioni. Nella realizzazione di tale successo hanno collaborato, oltre ai chirurghi vascolari anche anestesisti, esperti di chirurgia generale, specialistica e nefrologia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here