Ha rappresentato il nostro paese di fronte all’Europa e al mondo intero, ma è arrivato il momento di congedarsi anche per AstroSamantha. Così si fa chiamare Samantha Cristoforetti su Twitter, dove ha spiegato il perché del suo abbandono dell’aeronautica Militare. La notizia era stata riportata l’ultimo giorno dell’anno, ma è stata l’astronauta a dare la conferma tramite un Tweet, che ha messo a tacere le varie voci sui motivi che l’avrebbero spinta a lasciare l’aeronautica. Alcuni parlavano di discriminazioni di genere, ma lei ha smentito tutto e, con molta calma, con molta classe, ha semplicemente espresso le sue perplessità, citando alcuni disaccordi.

Non è chiaro di che tipo di disaccordi si tratti, ma il tweet ha chiarito che la vicenda si è conclusa nel migliore dei modi, senza alcuna polemica, senza alcun astio. Di certo questo lavoro ha avuto un profondo significato sia per lei che per l’aeronautica, un’istituzione per la quale l’astronauta ha sviluppato un legame affettivo che si è consolidato nel corso degli anni. Samantha Cristoforetti lavora come astronauta nell’aeronautica dal 2009 e nel 2014 la sua fama ha raggiunto tutto il mondo in quanto è stata la prima donna a restare in orbita per 199 giorni, stabilendo un vero e proprio record, rendendo orgoglioso il suo Paese di appartenenza.

Tutti questi anni nell’ESA – Agenzia Spaziale Europea – sono stati molto significativi per lei: la sua conclusione di questo percorso no rappresenta di sicuro la fine della sua carriera nello spazio, continuerà a svolgere questo mestiere, con tutto l’appoggio necessario dall’Italia e dalle sue istituzioni. In realtà sperava che la vicenda passasse inosservata, ha parlato di rispetto reciproco e di cordialità nei confronti dei colleghi e dell’Agenzia, ma per dirla tutta, nel suo immaginario c’era anche una certa quantità di discrezione. Probabilmente non aveva immaginato di attirare tanta attenzione da parte del pubblico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here