Giallo a Foggia, dove un uomo di 53 anni è stato assassinato in un parcheggio. Si tratta di Roberto D’Angelo, un commerciante locale a cui è stato teso un agguato che gli è costato la vita. L’uomo si trovava in un parcheggio all’interno del suo veicolo, una Fiat 500 L, quando i suoi carnefici si sono avvicinati all’automobile e gli hanno tolto la vita. Secondo una precoce ricostruzione dei fatti accaduti, gli assassini erano due e si sono serviti di un’arma da fuoco, quasi sicuramente una pistola per portare a compimento l’omicidio di D’Angelo. Erano a bordo di una moto, hanno affiancato il veicolo della vittima nel parcheggio e lì hanno fatto fuoco.

Hanno esploso due colpi alla nuca dell’uomo, che è morto sul colpo, accasciandosi sul volante della propria vettura. Ancora non sono chiari i motivi che avrebbero spinto i due killer a sparare all’imprenditore di 53 anni, le forze dell’ordine hanno aperto un’indagine per venire a capo della situazione. Gli agenti della polizia hanno già cominciato a effettuare i primi rilievi e, per le loro indagini, si sono affidati alle varie immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza situate nel parcheggio. Tuttavia sono ancora molti i dettagli oscuri in questa vicenda, come il numero di persone coinvolte, non è ancora chiaro se gli assassini fossero in due o se ci fosse solo un uomo a bordo della moto.

La vittima si chiamava Roberto D’Angelo, lavorava come commerciante nel settore delle automobili e secondo le fonti non faceva parte di gruppi criminali della zona. Non sono stati riportati neppure disaccordi o liti con amici, soci e conoscenti, tantomeno un coinvolgimento della vittima in associazioni di delinquenti. L’uomo anni e anni fa ha commesso reati contro il patrimonio, ma in seguito non ci sono stati più eventi del genere, quindi resta ancora oscura la ragione che ha spinto l’autore dell’omicidio a commettere il gesto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here