Una misura per combattere l’evasione fiscale e punire i contravventori sarà adottata a breve in Germania. Il paese europeo dal quale molti non se lo aspetterebbero infatti è secondo solo all’Italia per il problema dell’evasione, anche se i condannati per tale crimine sono di gran lunga maggiori. Così dall’anno nuovo sarà obbligatorio emettere lo scontrino alla cassa, evenienza che fino ad ora non sempre si è verificata. Allo scontrino tradizionale si aggiunge il controllo elettronico che comunica direttamente la spesa all’ente governativo tedesco. In tal modo chi non rispetta la legge rischia una multa che può arrivare fino ai 25mila euro.

I commercianti non sono d’accordo, anzi sono cominciate le prime proteste, perché per adottare le misure richieste dal governo alcuni degli interessati saranno costretti a spendere diverse migliaia di euro. La modifica, che corrisponde al nostro scontrino elettronico, sarà adottata da tutti gli esercizi commerciali, dai parrucchieri ai macellai, che dovranno registrare ogni movimento. La legge di cui si parla in realtà venne presentata nel 2016, ma molti furono i dissensi, quindi venne rinviata per anni. Ora però si è resa urgente, anche perché sono sempre di più i commercianti che manomettono i registratori di cassa o non registrano tutte le entrate in maniera corretta.

Per acquietare gli animi dei commercianti il Ministero tedesco ha dato loro tempo fino al mese di settembre di quest’anno, dopodiché non ci saranno attenuanti, i trasgressori saranno multati. Quindi già a partire da gennaio, seppur con una certa flessibilità sarà attuata questa misura alla quale, fra le altre cose, viene contestato uno spreco sconsiderato di carta termica, che va differenziata in separata sede rispetto alla carta comune. La manovra potrebbe essere un incentivo all’introduzione del Pos, che in Germania è presente in una minoranza di esercizi commerciali, sono un quarto rispetto all’Italia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here