È Natale anche per gli animali dello zoo: a Verona, nel Parco Natura Viva, tutti gli ospiti, dal più piccolo al più grande, hanno ricevuto i propri regali natalizi. I responsabili della struttura hanno fatto in modo che tutti gli animali avessero il proprio pacco regalo: fagottini infiocchettati e ben preparati che contenevano i regali più appropriati per ogni animale. I custodi hanno, in questo modo, stimolato le capacità degli animali dello zoo, che per trovare il proprio pacchetto sono stati costretti ad arrampicarsi per esempio, come hanno fatto le scimmie. Sono stati costretti a mettere in atto tutto il proprio ingegno per capire in che modo scartare i propri regali, che contenevano frutta, semini e altri alimenti.

I video degli animali che si accingono a scartare i regali sono diventati virali, si possono osservare orsi e panda che si arrampicano sulle varie cime e piccole colline per raggiungere e scartare con entusiasmo i loro regali. Non solo negli zoo, la tendenza a fare sempre più regali agli animali si è diffusa anche fra le mura domestici, infatti i pet negli ultimi anni vengono coccolati di più rispetto al passato, sembrano essere dei veri e propri membri delle famiglie in cui vivono. Basti pensare che negli Stati Uniti, per citarne uno, la spesa media dei regali di Natale per cani e gatti è salita da 25 a 40 dollari nell’ultimo anno.

È stato addirittura coniato il termine “Pawlidays” per rappresentare le vacanze natalizie, aggiungendo la parola inglese che vuol dire zampa alla comune “Holidays”. Vengono trattati come se fossero bambini, i genitori umani fanno loro costosi doni, spesso ritardando la scelta di fare figli o rinunciando del tutto ad essa per accudire i propri animali da compagnia. La tendenza trova spazio fra i giovani di età compresa fra i 25 e i 40 anni, che si stanno affezionando sempre più ai propri amici a 4 zampe.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here