Una bomba è stata ritrovata a Brindisi in questi giorni: si tratta di un ordigno risalente alla seconda guerra mondiale. Grazie all’aiuto di appositi robot e droni i militari hanno cominciato l’opera per disinnescare la bomba, con una carica esplosiva di circa 40 kg; gli artificieri del corpo della Polizia si sono subito messi all’opera, hanno ripreso tutta la scena tramite degli appositi droni. Durante la scorsa mattinata è stato fatto un ordine di evacuazione e sono state mandate fuori dalle loro case circa 54mila abitanti, nel frattempo i soldati hanno disinnescato l’ordigno. Erano una quindicina, appartenenti all’undicesimo reggimento di Foggia.

Grazie a degli appositi strumenti hanno rimosso la bomba bellica, togliendo la spoletta danneggiata e il detonatore. L’ordigno proveniva da un aereo appartenente al corpo militare inglese, è stata trovata circa un mese fa all’interno di un cinema, nel cantiere. Al momento sono terminate le operazioni militari che hanno consentito il disinnesco della bomba, ritrovata nel cinema multisala di nome Andromeda. Mentre due soldati rimuovevano materialmente il congegno, gli altri appartenenti al reggimento osservavano e sorvegliavano la scena dall’alto, da un apposito elicottero. Grazie all’operazione dell’Aeronautica Militare l’intera area è stata messa in sicurezza e oltre le 54mila persone che hanno dovuto lasciare momentaneamente ora potranno tornare in tutta tranquillità.

L’evacuazione è stata la più grande mai fatta nel nostro paese, per circa un paio di ore le strade della città sono rimaste vuote, l’intera città era deserta. Anche il traffico aereo e quello ferroviario sono stati bloccati, sono stati segnalati 41 varchi nuovi in città. Finalmente la bomba è stata neutralizzata, nel frattempo durante le operazioni sono state 54 le pattuglie messe a lavoro lungo le strade di Brindisi, per evitare furti nelle abitazioni e sciacallaggio. Anche il carcere è stato evacuato, con la deportazione di 200 detenuti trasferiti in un’area più sicura.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here